Coloro che banchettano in mezzo ai cembali, e alle arpe, e ai tamburi, e ai flauti e al vino, e non volgono lo sguardo all'azione del Signore e non riescono a vedere cio' che sta per fare.

giovedì 10 gennaio 2008

Cloaca maxima



Siamo alle soglie del 2008 e le pagine dei giornali parlano (finalmente) del degrado di Napoli.
Una delle città più belle al mondo, lasciata in balia dei camorristi e della rumenta. Strade allagate di sacchetti della spazzatura, scorie radioattive depositate nel terreno, fumi di diossina nell'aria e fu cosi che una delle meraviglie i cultura nel mondo è lasciata a se stessa.
I napoletani hanno trovato il momento giusto per fomentare la rivolta, Ssperiamo che cresca e che l'Italia si svegli dal lungo sonno mai spezzato. Siamo capaci di andare qua e la per il mondo con i nostri amici d'oltreoceano a dettar legge, a esportare democrazia e diritti e noi abbiamo città dove anche un cittadino di una baraccopoli brasiliana avrebbe ribrezzo a passarci. Che dobbiamo fare? San Gennaro pensaci tu!
E infatti arriva i nostri politicanti e trovano sempre la risposta.....bene Napoli è invasa di rifiuti.....ok spargiamoli su tutta Italia a pioggia. Prendiamo dei boing e li carichiamo di pattume poi mentre sorvoliamo l'Italia li lasciamo cadere da 1000 metri, cosi prendiamo due piccioni con una fava. Facciamo lavorare Alitalia e eliminiamo i rifiuti da Napoli.

1 commento:

*RE* dei folletti ha detto...

Se mandassero a casa gente inutile come Bassolino o Pecoraro Scanio le cose magari comincerebbero a girare per il verso giusto... ma in fondo come dice Cetto La Qualunque (alias Antonio Albanese): "La spazzatura arreda!" XD